FonARCom

SDI – UN NUOVO STRUMENTO DI FONARCOM PER LA FORMAZIONE DELLE IMPRESE

Il Sistemi di Imprese (SDI) è il nuovo strumento di FonARCom attraverso cui un raggruppamento di aziende ha l’opportunità di beneficiare di percorsi formativi.

Le attività all’interno dei piani dell’Avviso possono essere svolte sia a livello aziendale sia interaziendale.

Spett.le Azienda, in qualità di Capofila del Conto Sistema Di Imprese “Scegliere la Formazione per accrescere la propria competitività – CHOSE”, siamo a comunicarle che per la Formazione dei suoi dipendenti sono fruibili risorse messe a disposizione dall’Avviso 05/2018 – Ambiti di formazione comune per Sistemi di Imprese – Aggiornamento 2019 pubblicato dal Fondo Interprofessionale FonARCom sul sito www.fonarcom.it.

PIANI IN FASE DI EROGAZIONE:
TITOLO: PRIMUS – PRIorità Massima sulle coMpetenze e sUlla Sicurezza
– ID. PIANO FORMATIVO: A0518-0197
Data di avvio: 16/06/2020
Data di conclusione:16/06/2021

Codice Progetto Denominazione progetto Ore Edizioni N. Utenti
P01 ADDETTI PREVENZIONE INCENDI – Rischio basso 4 3 23
P02 Aggiornamento sicurezza lavoratori 6 2 18
P03 CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – Aziende Gruppo A 16 2 18
P04 CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – Aziende Gruppo B e C 12 1 8
P05 Corso Aggiornamento per ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – Aziende Gruppo B e C 4 1 8
P06 LA FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA PER LE AZIENDE – Rischio Basso 8 1 11
P07 Comunicare e relazionarsi con il bambino da 0 a 3 anni 20 1 6
P08 Formazione pedagogica per lo sviluppo del bambino 16 1 8
P09 FORMAZIONE SPECIFICA PER LE AZIENDE – Rischio Alto 12 2 16
P10 Innovazione nelle procedure e nei processi di lavoro 8 1 4
P11 LA FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA PER LE AZIENDE – Rischio ALTO 16 1 7
P12 LA FORMAZIONE GENERALE SULLA SICUREZZA IN AZIENDA – Corso base 4 2 16
P13 LA FORMAZIONE SPECIFICA PER LE AZIENDE – Rischio BASSO 4 1 8
P14 Aggiornamento addetti carrelli elevatori 4 1 8
P15 Corso word ed excel avanzato 20 1 4
P16 Corso office base 20 3 30
P17 Business english 12 1 8
Per ulteriori informazioni in merito può scrivere a: info@formatech.biz vi forniremo tutte le indicazioni per procedere alla rilevazione dei vostri fabbisogni formativi.

Di seguito vi proponiamo una breve sintesi dell’Avviso 5/2018 – Aggiornamento 2019.

Aree tematiche

Area A – Sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro;

Area B – Adeguamento Competenze: formazione finalizzata all’adeguamento delle competenze professionali del lavoratore in generale, con particolare attenzione al tema dell’innovazione e all’impiego di tecnologie moderne, all’introduzione di tecniche e pratiche dell’organizzazione e della produttività tali da consentire un giusto equilibrio tra performance ed investimenti;

Area C – Internazionalizzazione: formazione finalizzata all’allineamento delle competenze aziendali in tema di internazionalizzazione, con particolare attenzione ad una visione europeistica del mercato del lavoro e degli ambienti produttivi tali da garantire un’effettiva capacità di posizionamento nei più ampi contesti internazionali.

Durata del Piano Formativo

Le attività previste nel Piano Formativo devono essere realizzate entro 12 (dodici) mesi, decorrenti dalla data di approvazione del Piano Formativo da parte del Fondo.

Progetti Formativi in cui si declina il Piano

I singoli Progetti Formativi che compongono l’articolazione del Piano Formativo dovranno avere una durata non inferiore a 4 ore e non superiore a 80 ore. I singoli Progetti Formativi potranno essere realizzati in un’unica edizione o riproposti in più edizioni (edizioni reiterate). Sono ammessi percorsi Formativi di durata minima di 2 ore solo nel caso di percorsi obbligatori sulla sicurezza (corsi di aggiornamento). Nella stessa giornata formativa non sarà possibile calendarizzare più di 8 ore di formazione rispetto alla singola edizione.

Modalità formative ammesse

L’attività formativa potrà essere svolta secondo le seguenti modalità formative:

  1. sessioni d’aula (frontale e/o remoto);
  2. Training on the Job (tale modalità formativa rientra nella più ampia definizione di “aula frontale”, ma da queste differisce in quanto diretta a favorire non solo l’apprendimento di nozioni di base e di competenze professionali, ma l’acquisizione di uno specifico “know-how”);
  3. FAD asincrona/e-learning, autoapprendimento.

Soggetti Beneficiari

Possono beneficiare sul presente Avviso le aziende aderenti a FonARCom e autorizzate nel rispettivo SDI sin dal momento del loro inserimento nel Piano Formativo e che si impegnino a rimanere aderenti a FonARCom e al SDI fino alla chiusura dello stesso da parte del Fondo. L’individuazione degli SB potrà avvenire in fase di presentazione del Piano o nel corso della successiva fase di attuazione dei Piani finanziati dal Fondo.

Attenzione: non possono accedere al beneficio le aziende aderenti allo strumento Conto Formazione di FonARCom (aziendale/aggregato chiuso/di rete), salvo revoca.

Destinatari delle attività

  • Sono Destinatari delle attività previste nei Piani Formativi:
    • lavoratori/lavoratrici dipendenti per i quali i datori di lavoro sono tenuti a versare il contributo di cui all’art. 25 della Legge n. 845/1978, così come previsto dall’art. 118 della Legge 388/2000, modificato dall’art. 10 Legge 148/2011.
  • Sono inclusi:
    • lavoratori a tempo determinato con ricorrenza stagionale, anche nel periodo in cui non prestano servizio in azienda;
    • apprendisti;
    • lavoratori in CIG;
  • Sono esclusi:
    • lavoratori con contratto Co.co.co, dirigenti, amministratori e titolari di aziende beneficiarie;
    • collaboratori con partita IVA;
    • stagisti, tirocinanti e collaboratori occasionali.

Massimali e modalità di determinazione del Contributo FonARCom

La singola azienda (individuata per codice fiscale) potrà essere beneficiaria in massimo due Piani Formativi approvati nel medesimo anno nel limite indicato nella seguente tabella:

DIMENSIONE MASSIMO BENEFICIO PER AZIENDA PER PIANO
MICRO € 6.000,00
PICCOLA € 10.000,00
MEDIA € 15.000,00
GRANDE € 20.000,00

Aiuti di Stato

Le aziende dovranno scegliere tra: Regolamento UE n. 651/2014 e Regolamento UE n. 1407/2013 “de minimis”.